Campagna -Ticino -Nuore -DIC2

Campagna fondi 2018

Voleva imparare a salvare una vita


Gaia ha solo 14 anni, ma voleva già imparare a salvare una vita. Forse non a caso.
La mamma, qualche anno fa, ha soccorso e rianimato con successo un bambino di 4 anni alla Piscina comunale di Bellinzona.
Il 29 maggio 2017 Gaia è in piscina, vuole ottenere il brevetto di salvataggio.
Mentre la lezione volge al termine, l’istruttore chiede alla ragazza di recuperare un piattello rimasto sul fondo della vasca. Ma qualcosa non va, Gaia fa appena in tempo ad uscire dalla piscina: non si sente bene e perde i sensi. Il suo cuore non batte più.

Daniele ha imparato a salvare una vita, è un First Responder, una delle oltre 3500 persone che nel nostro Cantone hanno dato la disponibilità, su base volontaria, ad essere allarmati in qualsiasi istante da Ticino Soccorso 144 per situazioni di arresto cardiaco. Quel giorno sta rientrando dal lavoro, riceve l’allarme. Subito si rende conto di essere molto vicino a dove Gaia voleva imparare a salvare una vita. Non perde tempo e la raggiunge in pochi minuti.

Del suo esile corpo senza respiro si stanno già occupando Claudio, l’istruttore, e un’infermiera presente sul posto: hanno appena iniziato le compressioni cardiopolmonari per permettere di far affluire al cervello di Gaia ossigeno prezioso. Daniele ha con sé uno degli oltre mille defibrillatori presenti nel nostro cantone, dispone gli elettrodi sul corpo della ragazza e il dispositivo conferma la necessità di una scarica elettrica. Nel frattempo arrivano due agenti della Polizia cantonale – anch’essi First Responder – un’ambulanza e la Rega. Il cuore di Gaia risponde allo
stimolo elettrico e riprende le sue funzioni, seppur debolmente.
Gaia viene trasportata all’Ospedale di Coira dalla Rega, seguono le degenze e gli interventi a Zurigo e Lucerna. Si scopre che il suo giovane cuore ha una cardiopatia congenita: alcuni tessuti producono frequenze troppo elevate provocandogli delle aritmie.
Gli interventi operatori hanno un buon esito: i tessuti malfunzionanti vengono eliminati.

Grazie a persone che avevano già imparato a salvare una vita, Gaia ha ancora una vita davanti a sé, è tornata a scuola, ha ripreso l’attività sportiva e può progettare un futuro. Il brevetto di salvataggio l’ha ottenuto, anche lei ora fa parte delle persone che sanno salvare una vita.

PDF

IBAN: CH1908490000255213001
SWIFT: CBLUCH22


Un progetto promosso da:

Con il sostegno di: